Il fiume

II

Passeggiavo, quella notte d’estate,
con gli amici, a Firenze.
I nostri passi regalavano l’eco
alle acque scure del fiume
che danzavano lente
il loro ballo
riflettendo le luci della sera.

Parlavamo raccontando di noi,
del viaggio, della vita.
Poi un guizzo improvviso,
un cambiamento, un breve movimento.
Una nutria giocava nell’acqua.
Il tempo di vederla per qualche istante
prima che il fiume riprendesse
il suo abituale cammino.


P. M. Chessa – Un ordinato groviglio – il Filo – 2008

Annunci

4 thoughts on “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...