La Loira
 
Camminavo sulle rive della Loira
quel giorno d’estate,
il vento leggero e il tepore dell’aria
suscitavano nell’animo
piacevoli sensazioni.
 
Mi fermavo a guardare le acque calme
e la città lontana di Blois,
oltre la sponda opposta,
i suoi tetti grigi, i muri bianchi delle case
abbracciati dal sole del mattino.
 
E talvolta sul marciapiede cigolavano
le ruote lente di un passeggino,
accompagnato da mani tenere, materne.
 
P.M.C.
Annunci

15 thoughts on “

  1. Navigando…[..] Circolo Pasolini Il primato di Pavia Italiano per stranieri Medici non spie Cinzia Pierangelini ha scritto a… Silvio Passator Cortese La Carlucci vuole rivoluzionare Internet… Laura & Lory Calamità naturali Dany Berlusc [..]

  2. Carissima, ogni tua poesia è un invito a vedere con i tuoi occhi e a “sentire” con la pofondità del tuo animo…questi bellissimi versi parlano di un sole che abbraccia, delle mani tenere di una madre, è il tuo desiderio costante di esprimere il tuo amore? Ti abbraccio forte. Ele.

  3. Ciao cara Piera. Una poesia molto bella ed intensa. Un’immagine veramente dolce. Mi piace molto il cigolio delle ruote del passeggino accompagnato da mani tenere.
    🙂
    Un caro saluto e un buon fine settimana Gaetano.

  4. Carissima Ele, con la scrittura cerco di non dimenticare i momenti più belli dei miei viaggi, e soprattutto certe sensazioni. Quel viaggio, in particolare, è stato bellissimo.
    I tuoi commenti sono sempre speciali, e di questo ti ringrazio.
    Un abbraccio. Piera

  5. ed ero un po’ arrabbiata con me stessa per non aver trovato le parole giuste, quelle che cercavo.
    Ti ringrazio molto per il commento.
    Ti abbraccio. Piera

  6. Grazie, Gaetano, per i saluti e per il commento. L’immagine del passeggino mi ritorna alla mente, grazie a voi, così come ricordo bene quella giornata primaverile, nonostante si fosse in estate, e la Loira sotto il sole.
    Un caro saluto. Piera

  7. Hai ragione, Antonio: tepore del clima e calore materno, natura e umanità, quest’ultima evidenziata,forse, in uno dei suoi momenti più nobili: la cura di un figlio.
    Ti ringrazio del commento. A presto. Piera

  8. No, Jole, non io ma Eleonora dovrebbe dipingere perchè è bravissima. O meglio ancora, dovrebbe dare forme e colori a ciò che lei stessa scrive. Chissà che un giorno, spero presto, non riesca a convincerla a riprendere in mano i pennelli!
    Grazie, comunque, del tuo bel commento. Un grande abbraccio e a presto. Piera

  9. il suono (il cigolìo), il bianco, l’acqua, la terra: assemblare una tal fotografia non ha bisogno di parole… ricercate :-).

    Un forte abbraccio, cara Piera…

    Glò

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...