L’ostaggio  

di Eleonora Bernardi


Ancora un po’ e il treno sarebbe entrato in stazione.
E’ incredibile, pensò, con quanta facilità sono riuscita a staccarmi dal mio mondo, dai problemi, e anche l’ansia che solo stamattina mi stringeva nella sua morsa, che fine ha fatto?
Si sentiva calma, leggermente strana, come chi si trova a recitare una parte e a godere del raro privilegio di potersi osservare con gli occhi di uno spettatore… così mise a fuoco i passeggeri, i compagni con i quali aveva spartito le ore del viaggio, dei quali aveva ascoltato le storie… ecco l’anziana signora che andava a raggiungere sua figlia, il giovane che tornava a casa, in licenza, l’uomo d’affari che aveva rinunciato a consultare i suoi incartamenti per prendere parte alla conversazione.
Tutti personaggi di una breve rappresentazione che stava per aver termine, dal momento che ognuno si apprestava a scendere.
Di lei sapevano che aveva trovato il coraggio di partire, che era ansiosa di ritrovare la sua amica per trascorrere insieme una breve vacanza, quello che non immaginavano era la cospicua dose di tranquillante che aveva ingurgitato, la stessa che le aveva disteso il sorriso e acceso la luce negli occhi.
– Complimenti! Sembra più giovane della sua età!
L’aveva detto qualcuno, e lei subito si era sentita una ragazzina, si era vista giovane, incosciente e piena di vita.
Comunque era andato tutto a meraviglia. Sarebbe arrivata in tempo utile per prendere la corriera, e poi finalmente i monti… e Arlette! Cinque lunghi giorni con Arlette! Da sole, senza mariti… (quello di lei), senza orari e senza legami. Un sogno!
Arlette l’attendeva sulla soglia della sua nuova casa di montagna.
Era proprio tutto come aveva immaginato, un quadro che avevano dipinto insieme per lungo tempo, una pennellata qua e là perchè ogni cosa fosse perfetta.
Sullo sfondo le montagne, al centro loro due strette in un abbraccio senza parole. Intorno il silenzio e una luce piena di gioia.
– Ce l’hai fatta! Ce l’hai fatta!
– Sì! Sì! – Ridendo.
Le parole e i racconti potevano aspettare.
– Entra, mettiti comoda! Ti piace la cucina? E il saloncino? Guarda le stanze… questa è la tua!
– Mi piace tutto! Davvero! Ma ora vado in bagno, un attimo, mi do una rinfrescata.
– Io intanto ti preparo un caffè, va bene? (La voce arrivava dal piano di sotto).
– Benissimo, grazie.
Una rapida occhiata allo specchio: sembrava proprio un’altra persona.
Nella pausa-caffè domande e risposte, a raffica.
– Ma “lui” è fuori?
– Sì, torna domenica.
– Lo sa che sono qui?
– No, oggi no, ma sa che saresti venuta, per questo è partito tranquillo…poi lo chiamiamo.
Arlette decide che l’amica è stanca, che dovrebbe riposare, lei pensa che l’effetto del calmante “perduri” visto che comincia a sentire una leggera sonnolenza.
Arlette insiste, e aggiunge che andrà a sbrigare una commissione con una vicina, roba di una mezzora, poi le racconterà.
– Tu intanto ti riposi, o ti guardi intorno… prendi nota degli errori!
– Errori? Non ne vedo…Vai, e torna presto!
Arlette è già andata, la porta si chiude con un piccolo scatto.
Si fa una rapida doccia, non le va di dormire. Si dedica alla ricognizione della libreria. Ecco i libri di Arlette, i “loro libri”: ci sono quasi tutti.
Sul divano un nuovo romanzo. Parla di un rapimento… in Afganistan, terra di banditi!
Si distende a leggere, la storia la cattura sin dalle prime righe.
Si ritrova con una mano premuta sul volto, davanti due occhi neri che la trafiggono e una voce:
– Zitta! Fai quello che dico e non ti succederà niente!
Si agita come una serpe, ma qualcuno la solleva come un fuscello e la porta via, sono in due, uno è in attesa al volante di una macchina e manco si volta, l’altro la stringe a sè come avesse tra le mani un sacchetto… S’infila in macchina, la tiene tra le braccia con aria di possesso.
– Stai calma, ché non ti succede niente!
(Sta dormendo, se ne vuole convincere…)
La macchina si avvia velocemente, senza rumore. Vede scorrere alberi e case, poche, e la testa di chi guida, un berretto e occhiali scuri.
Il suo padrone puzza, ha un odore acido insopportabile, lei si sente ancora tutta bagnata, e poi ha perso gli occhiali, come farà a leggere?
Viaggiano per un tempo interminabile, pensa ad Arlette che non la troverà al suo ritorno e sarà disperata…Si mette a piangere con singhiozzi convulsi.
– Falla smettere! Sennò ci penso io!
E’ la voce di chi guida, la colpisce l’italiano perfetto, senza accento.
Niente più case, solo alberi e montagne, poi sono arrivati.
Questa volta la porta in braccio come una bambina, o come una sposa, entrano.
La baita è di legno annerito impregnato di cento odori, su tutti prevale il fumo stantio e l’unto della sporcizia.
Le libera il volto dalla manaccia e l’adagia su una specie di branda.
Lei salta su, come un cobra… è così che si sente, invece il cobra è negli occhi dell’uomo, tondi, neri e minacciosi.
– Ecco, qui puoi strillare quanto vuoi, non ti sente nessuno!
L’amico è fuori che traffica intorno alla macchina.
– Chi siete? Che volete?
-Soldi, solo soldi! Tuo marito pagherà e tornerai a casa! Dipende da lui…
Pensa velocemente: – Mio marito? Quale marito? Solo Arlette ha il marito.
In un lampo si dice:- Questi sono capaci di andare a prendere anche Arlette, oppure visto che…la faranno sparire!
Pensano che lei sia Arlette, bene! Glielo lascerà credere…che chiedano pure il riscatto, intanto Arlette avrà già trovato i suoi occhiali, il libro…avrà capito tutto e messo in moto ogni cosa!
– Ho sonno, risponde – Tanto sonno!
– Meglio così. Ma non cercare di scappare!
Il brutto ceffo si allontana chiudendo a chiave la porta.
Lei piomba nell’oscurità della baita e della coscienza. Evviva i tranquillanti! Dio li benedica!

Si risveglia al rumore delle stoviglie con lo stomaco che si contorce dalla fame, intorno aleggia un delizioso profumo di buon cibo.
Arlette le è accanto con i suoi occhi ridenti e il viso cosparso di puntini dorati..le sue lenticchie!
– Hai dormito un bel po’! Forza, pigrona, vieni a mangiare!
– Io…Tu…
Non riesce a parlare. Il libro è lì, gli occhiali pure.
Afganistan…
Forse, dopotutto, ha dormito davvero.

http://www.shiva-ditutto.blogspot.com/

9 thoughts on “

  1. Ciao Piera, eccomi ancora qui.
    Hai fatto bene a pubblicare questo testo di Nora che avevo già letto e commentato sul suo blog. ma una ripassatina non fa male soprattutto quando, come ho detto pure da lei, anche noi, molto spesso, siamo ostaggi di una società in cui non ci riconosciamo.

    ti abbraccio forte e bentornata
    jolanda

  2. Grazie, Jole, stavo per chiamarti, hai dunque risolto il problema?
    Il racconto di Eleonora mi piace molto, mi piace la sua “sintesi” e la sua capacità di capire i personaggi dall’interno, la stessa dote che manifesta nel suo interagire con gli altri nella quotidianità.
    Lei, molto schiva su questo fronte, non sarà d’accordo, ma questo lo so già.
    Un abbraccio. Piera

  3. Grazie Piera,
    ho letto volentieri e apprezzato, complimenti a Eleonora, è veramente una bella penna.
    Sono stata vicino Arbatax, non so tu dove sei, magari la prox volta ci mettiamo d’accordo. Questa volta ho incontrato il poeta Chessa Giovanni e la moglie, persone veramente interessanti, e la poetessa Virginia Murru anche lei bellissima persona.
    Ciao Piera, a presto.
    frantzisca

  4. Carissima, ti ringrazio per aver ospitato sul tuo blog un mio testo che non ha altra pretesa che raccontare/partecipare immagini ed emozioni in bilico, sempre, tra fantasia e realtà.
    Chi legge poi interagisce e integra con la propria sensibilità…quella che a te non manca!
    Un forte abbraccio. ele

  5. Ciao, Francesca. Arbatax è una bellissima zona, per il mare e per le sue rocce straordinarie. Sì, mi farà piacere incontrarti, ci metteremo d’accordo.
    Sono contenta che il racconto di Eleonora ti sia piaciuto; come dici tu, è veramente una bella penna.
    Un caro saluto. Piera

  6. Carissima Eleonora, sei troppo modesta, sai bene quel che io penso di te ed è inutile che provi a farmi cambiare idea…
    Quanto alla sensibilità, sì, lo accetto e ti ringrazio, anche se di questi tempi non so più se si tratti di un pregio o di un difetto.
    Un grande abbraccio. Piera

  7. Grazie, Rita. Sono molto contenta che anche tu condivida il mio apprezzamento per la scrittura di Eleonora. Sono certa che anche lei
    abbia gradito molto il tuo commento.
    Un caro saluto. Piera

  8. Chiedo scusa alla padrona di casa e alle sue squisite ospiti per non aver potuto ringraziare tempestivamente.
    Ho avuto problemi con il p.c.
    E’ troppo tardi per rimediare? Spero di no. Grazie Frantzisca, grazie Annarita! Siete persone affabili e cortesi, mi auguro di potervi conoscere meglio. Magari vi vengo a trovare…un abbraccio. eleonora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...