1° maggio…anche nei giorni che verranno.

(foto da web)

Annunci

5 thoughts on “1° maggio…anche nei giorni che verranno.

  1. Primo maggio sempre, soprattutto nei giorni che verranno!Perchè tutti possano avere un lavoro, perchè il lavoro è dignità.Perchè questi quattro politici da quattro soldi, poveri intellettualmente ed umanamente, si rendano finalmente conto che non possono più giocare con la vita dei cittadini.buona domenica, carissima Piera, con abbracciojolanda

  2. Il lavoro è un diritto-dovere di tutti gli umani maggiorenni.Primo, per la propria realizzazione come persone che debbono sentirsi utili e collaborative, secondo per la liberazione dal triste bisogno economico.Guai a chi ruba il tempo degli altri sfruttandoli.

  3. Un'immagine (bella!) e poche, incisive parole per un messaggio più eloquente di un lungo discorso.Il lavoro è un diritto, quando viene negato priva l'uomo della sua dignità, questa é la cosa peggiore che uno Stato possa fare!Grazie Piera, sei grande! ele

  4. Condivido questo tuo commento pienamente, Jolanda, anche nelle sue parti più dure." Il lavoro è dignità",  e alle innumerevoli persone che giorno dopo giorno lo stanno perdendo io credo che manchi proprio l'aria perché perdono tutto: il gusto per la vita.Ciao, cara.  Piera"Un diritto/dovere", proprio così, e per i motivi che hai esposto con chiarezza, Mimma, dobbiamo dare il nostro contributo e nello stesso tempo poter vivere con dignità.E come darti torto sull'ultima parte del commento, ahimè, quanti lavoratori sfruttati indegnamente, bambini compresi!Ciao.  PieraSenza lavoro è impossibile vivere serenamente.Tante volte mi chiedo:"Come saranno il riposo e i sogni dei tanti che non ce l'hanno o che fanno lavori saltuari? Come saranno le loro notti senza la certezza di poter sopravvivere, con l'incubo delle troppe bollette da pagare, con dei figli che comunque chiedono perché hanno  dei diritti e dei bisogni primari?"Conosco persone che guardano con angoscia dentro la cassetta delle lettere, bambini che non vogliono andare a scuola perché si sentono inadeguati vicini ai compagni più fortunati. E potremmo andare avanti a lungo, vero Eleonora, quante storie come queste hai conosciuto anche tu?Ciao, a presto.  PieraHai ragione, Cristina, non dobbiamo arrenderci mai.Ma sai, per noi è meno difficile, anche se la rassegnazione è sempre dietro l'angolo e l'amarezza per i tempi bui che siamo costretti a vivere è tanta, ma la preoccupazione è per chi, come dicevamo prima, deve inventarsi ogni giornata. Mi chiedo come i "nostri" (?) politici possano continuare a straparlare e dormire sonni tranquilli, loro! Vergogna!Ciao.  Piera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...