Savina Dolores Massa

Domani, al Centro Servizi Culturali di Oristano, verrà presentato il nuovo libro di Savina Dolores Massa, il titolo è “Mia figlia follia”, edito da Il Maestrale.

Avrei tanto, proprio tanto da dire su questo libro così particolare, ma non si può con poche parole, data la complessità del romanzo e della personalità della stessa autrice.

So che ne parlerò a lungo più avanti, per stasera, come piccolo dono a Savina che oggi compie gli anni, riporto un brano tratto dalla sua ultima “creatura”, un piccolo assaggio di un libro assolutamente da leggere.

La protagonista del brano si chiama Maddalenina, non dico altro per non svelare subito la trama di un racconto davvero straordinario.

 

Mia figlia follia


"Figlia mia, ancora il tuo nome non l'ho scelto, e mancano solo tre mesi a vederti la faccia. Non sono molto convinta di questo obbligo a dare un nome il giorno del battesimo. Almeno qualche anno si dovrebbe aspettare per mettere il giusto per definitivamente, ché la persona, quando nasce, ancora non si è formata le idee di chi è. Aspettando la crescita se ne possono usare altri. Anche ai cani, all'inizio, si dice, Ehi, Psss, e poi quando si capisce se è un cane buono o cattivo si decide il nome. C'è Pasqua come nome bello che ti starebbe bene se diventi una bambina che cade sempre la domenica, quando è primavera. Poi ho pensato che tu uscirai giudiziosa, sempre attenta a dove metti i piedi, no, Pasqua non è nome per te. Io sono sempre caduta, da piccola e da grande, perché se mi mettevo a guardarmi i piedi per stare attenta a non inciampare, cosa ero uscita a fare? I piedi potevo guardarmeli anche a casa.

C'è tanto da decidere di ammirare, se sei in giro, figlia mia. Mia mamma non era contenta quando io piangevo perché volevo andare fuori da casa nostra. Lei mi diceva, La gente è cattiva. Mi diceva, Stai seduta nella sedia e fai un celtrino. Mi diceva, Quello che interessa a te puoi vederlo dalla finestra, ti basta. Io, dalla finestra, vedevo solo il muro della casa dall'altra parte della strada. Le teste delle persone che passavano in fretta. In inverno, a finestra chiusa, non sentivo neppure le voci. La cosa più bella che capitava, in inverno, erano i disegni che la pioggia faceva sul vetro e anche quelli che facevo io sopra il mio alito profumato con mandarino. Mamma usciva solo per ritirare la mia pensione ogni due mesi e per fare la spesa, una volta alla settimana dal negozietto di signora Antonietta a venti passi da casa nostra; qualche volta mi portava, più volte mi diceva, Stai seduta e fai un celtrino. Lei mi ha fatto vedere due o tre volte, Si fa così e così. Sui primi pasticci piangevo e mi agganciavo apposta la mano con l'uncinetto, almeno mamma aveva qualcosa da dire: non mi piaceva il suo zitta zitta. Per colpa del silenzio che c'era a casa, io facevo cadere la sedia, o un cucchiaio. Per non credere che ero diventata sorda. Piangevo a voce alta e facevo le prove della mia voce con le parole che sapevo dire.

A scuola mi ha mandato poco, mamma, le ho chiesto io di lasciarmi a casa: avevo paura di tutti. La maestra il primo giorno aveva detto, Siediti dove ti pare, ma per le altre il posto l'aveva deciso lei: a me era rimasto l'angolo più nel buio della classe, e nessuna seduta vicino. […]

La maestra si chiamava Maestraerminia, il marito le era morto, adesso è morta anche lei chissenefrega. Era alta e secca della famiglia delle canne, vestita di nero, vecchissima, ma portava nell'aula odore bello di borotalco. Anche il suo pellame sembrava borotalco. Io lo so che se mi mettevo a soffiare si sarebbe disfatta, Maestraerminia. Non l'ho fatto, ché non sono cattiva. Nella lavagna disegnava bastoncini e comandava, Copiate nel quaderno. Si avvicinava alle altre bambine e prendeva la loro mano con la matita sopra il foglio, le aiutava. Da me, che ero in fondo, non c'è mai arrivata, ché suonava la campanella per andarcene. Quel quaderno con la copertina nera è dentro l'armadio dei segreti, nuovo come il giorno che mia mamma l'ha comprato nel negozietto di signora Antonietta".

(Savina Dolores Massa, Mia figlia follia, Il Maestrale)

Annunci

9 thoughts on “Savina Dolores Massa

  1. Vengo a ringraziarti, e mi pare così strano vedere la mia "bambina" in altro luogo che non sia la sua casa di carta, il solo dove si è potuta esprimere, anche se sgraziatamente così come è la sua vita. Quella monella se ne va in giro.Grazie Piera.

  2. Piera carissima,arrivo tardi per dirti bentornata alla tua Sardegna e al tuo blog.La proposta di oggi fa venir voglia di leggere fino in fondo il nuovo libro di Savina alla quale auguro grande successo di pubblico e di critica.Ma per noi che siamo lontani, non potreste organizzarvi con un video in modo da farci sentire partecipi all'evento?ti abbraccio, amica mia, assieme a Savinajolanda

  3. Quella monella volerà molto in alto, Savina, ne sono certa. Grazie per le emozioni che ieri sera ci hai regalato, che Maddalenina ci ha regalato. a presto. P.

  4. Hai ragione, Jolanda, si parla spesso di preparare un video ma poi non si riesce a concretizzare. Ieri, la presentazione del libro è stata densa di emozioni, per la bravura di Savina e per quella dei tre "padrini", come lei li ha chiamati, che hanno approfondito egregiamente i punti salienti del romanzo, ma anche, aggiungo io, per la straordinaria personalità dei protagonisti che sembrano scappati dalle mani e dalla penna della loro autrice per vivere una vita autonoma. Sono personaggi straordinari, avrai modo di conoscerli, prepotentemente vitali nelle loro difficoltà.Mi fermo. Avrò modo di parlare ancora di questo libro così bello e così destabilizzante.Ciao carissima. Un abbraccio. P.

  5. Grazie Piera, per il corposo stralcio.Leggendo non vedo l'ora che mi arrivi a casa questa figlia di Savina, l'ho già commissionato da quando ho visto il link su face, mi è arrivata la conferma dell'ordinazione…sto aspettando.Sei una padrona di casa attenta e generosa.Un abbraccio a te e a Savinafrantzisca

  6. Francesca, hai già richiesto il libro? Accipicchia!Non te ne pentirai, inoltre, sono certa che i vostri commenti faranno molto piacere a Savina.Un carissimo saluto. A presto. Piera

  7. Ne ha facoltà, credo, perché dimostra che l'esistenza può essere osservata con uno sguardo che non rientra nei canoni tradizionali, a tal punto che follia e fantasia non hanno più quel confine così netto che noi attribuiamo loro. O no?   Piera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...