Quattro anni ancora

 

foto da web

 

Anche questa volta Obama ce l’ha fatta. E non era poi così scontato, anzi, non lo era per niente.

Una crisi fortissima che da tempo ha investito l’America, e non soltanto sotto il profilo economico, un’opposizione su tutti i fronti da parte dei repubblicani, ma anche di una parte dei democratici, non sempre solidali con il Presidente. E’ emerso infatti che non sono solo mali italiani il dissidio e le differenze all’interno di uno schieramento politico.

Così Obama ha dovuto fronteggiare l’agguerrito e conservatore sfidante repubblicano, e anche le opposizioni interne.

Eppure ce l’ha fatta. Si temeva che gli stati da sempre in mano alla grande finanza potessero decretare la sua sconfitta, invece è stato votato con un certo successo anche lì, perché l’America è riuscita a guardare più lontano rispetto a Romney e ai suoi ricchi sostenitori.

Sarebbe stato un notevole passo indietro dimenticare in fretta, per quanto imperfette, le difficili conquiste fatte da Obama. Conquiste non ancora messe in atto ma che vedranno la luce nel prossimo futuro.

La riforma sanitaria, per esempio, estesa ad una parte considerevole di cittadini americani. Certo, una riforma a metà, altro Obama non ha potuto ottenere, almeno per ora, ma è pur sempre qualcosa di buono che gli va riconosciuto. E poi i paletti che ha cercato di mettere alle lobby, alle caste diremmo qui in Italia, allo strapotere dei più ricchi, quelli che hanno sostenuto Romney fino alla fine, investendo su di lui montagne di denaro buttate al vento.

E’ tipico infatti delle classi più agiate tutelare i propri privilegi e disinteressarsi dei meno abbienti, uno stato solidale è ben lontano dall’esistere, in America come da noi.

Eppure Obama, sia pure con i limiti evidenziati in questi quattro anni, nonostante le troppe promesse mancate, ha cercato comunque di fare alcune buone cose. Forse, inizialmente, le aspettative nei suoi confronti sono state esagerate, sia in America che fuori, tutti, anche noi, sulla scia dell’entusiasmo diffusosi in seguito alla sua  prima elezione, ci aspettavamo altro, ma da soli non si possono fare miracoli, nonostante l’impegno profuso, la passione e le idee progressiste, considerando anche la pesantissima eredità lasciata da Bush. Lo stesso Obama, d’altra parte, ha riconosciuto alcuni errori, e non tutti riescono in questi casi ad avere un atteggiamento più umile.

Se oggi avesse vinto Romney sarebbe stato davvero il ritorno ad un passato già conosciuto, con i ricchi sempre più privilegiati e i poveri sempre più penalizzati. Per non parlare dei passi indietro riguardo ai diritti civili, il rispetto delle minoranze, la lotta al razzismo, in tutte le sue forme.

Non voglio dire con questo che la situazione sarà in breve tempo idilliaca, ma c’è almeno la speranza di un possibile graduale cambiamento.

Per fortuna, il popolo americano, eterogeneo e multietnico, ha fatto una scelta diversa. Certo non saranno per Obama quattro anni facili, non percorrerà strade agevoli, cercherà però, io credo, di migliorare le proposte già fatte, di tener fede alle sue promesse.

L’alternativa sarebbe stata devastante per un’America che di problemi da risolvere ne ha veramente tanti.

Buon lavoro dunque a Obama, e buone nuove per chi ha creduto in lui per la seconda volta.

Annunci

2 thoughts on “Quattro anni ancora

    • Sì, anch’io ho per lui stima e simpatia, anche se ritengo che potesse fare di più. Penso che sia una persona pulita e sincera, ed è tanto.
      Speriamo che porti avanti e migliori la riforma sanitaria, e che sia più determinato nel contrastare i privilegi delle lobby.
      Ciao.

      Piera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...