Archivio | settembre 2013

Trieste

L’omaggio di una giovane poetessa, Glò D’Alessandro, alla sua città, alla bella città che l’ha accolta.

 L’autrice sembra conoscerla bene, nel suo essere “lunare” e ugualmente “solare”, ne conosce il vento che “trascina”,  leva il respiro e rischia di far cadere,  le belle piazze, e anche la sua storia passata così complessa.

Bella e coinvolgente la chiusa, con quell’ultima parola ben evidenziata.

foto da web

Chiassosa e lunare
tra brandelli
di vento trascinante.
Solare e suggestiva
tra il chiarore della piazza
sull’acqua sussurrante.
Forte e fragile
le mura di città
dove la storia di ieri
non l’ha mai consumata.
Si sale, si scende
tra velati odori
di passi boschivi.
Silente e ridente
il chiasso
di occhi fugaci.
Ed io,
straniera qui,
lascio scorrere
la sua aria di arcobaleno,
tra l’amore
che mi ha suonato
il tuonante sillabare:
RESTA.

Glò D’Alessandro

(http://diariotriestino.wordpress.com/)

Questa voce è stata pubblicata il 11/09/2013. 2 commenti