Buio

Oggi è la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Questa ricorrenza è stata istituita il 17 dicembre del 1999.

In questa giornata dedicata al dolore di tante donne così spesso maltrattate, non solo fisicamente ma anche a livello psicologico, ripropongo un testo che scrissi diversi anni fa, con l’amara consapevolezza che poco o niente da allora sia cambiato.
A giudicare da tutto ciò che si sente e si legge in questi giorni, sembra accertato che proprio durante i mesi della pandemia, trascorsi in casa, la violenza sulle donne sia aumentata in maniera considerevole. E non è certamente un caso dal momento che i comportamenti aggressivi e violenti vengono messi in atto soprattutto in ambito familiare.
Mi angoscia il pensiero delle tante donne, di ogni età, che in questo difficile periodo hanno vissuto, praticamente chiuse tra le pareti domestiche, con uomini incapaci di rispetto e amore. Parole queste del tutto assenti dal loro vocabolario.
Ed è a tutte queste donne, e a quelle che purtroppo non ci sono più, che dedico questa poesia.

Buio

Sono qui,
distesa seminuda
nell’angolo più buio
della strada,
a malapena
ricordo con terrore
quel che è stato.
Mi guardo intorno,
nessuno accanto a me
ad alleviare il vuoto
ed il dolore.

Fa freddo, è inverno,
ed io qui
con gli abiti strappati
e il corpo lacerato.
Mi alzo con fatica,
raccolgo le mie cose
ovunque sparpagliate,
mi copro disgustata.
Provo pietà per me
e stento a ritrovarmi.

Ecco, sento dei passi
e la paura cresce…

Ma è una giovane coppia
di passaggio,
la mano tiepida
di un’altra donna
stringe la mia,
barcollo per la nausea
e l’incertezza,
cerco un appiglio.

E’ il suo braccio sicuro
adesso a sostenermi.

Piera M. Chessa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...