Archivio | febbraio 2016

Mary

Sono trascorsi pochi giorni
dalla tua partenza
rimangono gli stati d’animo
confusi ancora
imprecisi e attoniti.

E’ avvenuto tutto
troppo presto
e la mente
ritorna con sgomento
alle ore passate
alla tua sofferenza
senza tregua
alla nostra impotenza
nel cercare di lenire
il tuo dolore inaccettabile.

Ora riposi finalmente
e mi consola un poco pensare
che il tuo spirito sia libero
e il tuo corpo leggero.

P.M.C.

Questa voce è stata pubblicata il 28/02/2016. 6 commenti